Alle mamme. A tutte

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

A chi è mamma da poco, a chi lo è da molto. A chi lo è ancora a metà e accarezza il suo pancione. Alle mamme che la notte non esiste più, per i pianti, per i pannolini da cambiare, per le colichette, per l’ora stabilita del rientro ormai superata da almeno due ore. Alle mamme che la mattina escono presto e con il cuore a metà lasciano la loro anima nelle mani dei loro piccoli, alle mamme che restano a casa e sperano in un lavoro; alle mamme che si inventano il tempo e alle mamme supereroi che il loro tempo è diventato una grande e logorata speranza; alle mamme sole e alle mamme in compagnia; alle mamme che sorridono nonostante tutto e a quelle che piangono in silenzio; alle mamme che fanno i dolci e alle mamme che li comprano, a quelle che cucinano e fanno grandi capolavori e a quelle che … “vabbè chiamano la pizza”.

Ma soprattutto è alle mamme a cui è stato strappato il cuore dal petto che oggi il mio pensiero vola ad abbracciarle.

Su tutte, a mamma Marina, perché la sua lotta non sia vana.

 

La mano che fa dondolare la culla è la mano che regge il mondo
William Ross Wallace


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Written By
More from redazione

Alle mamme. A tutte

     A chi è mamma da poco, a chi lo è da molto....
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *