Il vino invecchiato è migliore?

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Osservazioni sulla grande lotta tra il “vecchio” e il “giovane”

Una delle credenze più popolari sul mondo del vino è quella che  “il vino invecchiato è più buono”. Sicuramente ci sono grandi vini che hanno 5, 10 o più anni di affinamento sulle spalle, ma bisogna fare attenzione a diverse cose.

Prendere una bottiglia dal supermercato, ad esempio un Frascati e metterlo in cantina per 10 anni non vuol dire che diverrà più buono! Questo perché ci sono vitigni che si prestano di più ad un lungo affinamento rispetto ad altri. Qui entra in gioco il corpo del vino. Tornando all’esempio, il Frascati è un vino che va apprezzato per la fragranza floreale e fruttata che ha in gioventù. Un vino per essere affinato per un periodo medio-lungo necessita che il suo vitigno debba avere una buona struttura in grado di resistere al tempo. La freschezza, o acidità, è l’elemento che fa la parte del leone: più passa il tempo e più cala questa sensazione spostando l’equilibrio sempre più verso la morbidezza.

L’invecchiamento spesso è legato ad una permanenza in botte, piccola o grande. Bisogna però fare attenzione alla tipologia di legno e alle grandezze che si utilizza. La botte regala altre sensazioni interessanti ma non deve sovrascrivere il carattere del vino. Quindi a seconda della struttura del vitigno in uso si utilizzerà una botte grande, o una barrique, o acciaio e poi botte… Insomma, ci si può sbizzarrire in più modi, l’importante è che la botte non sovrasti il gusto e gli aromi del vino.

Ma alla fine di tutto, il vino invecchiato è veramente più buono? La risposta è “dipende”, questo perché entrano in gioco altri due fattori importanti: l’abbinamento con il cibo e la soggettività. Il primo dei due non permette l’utilizzo di determinati vini in combinazione con determinati piatti! Non possiamo mettere vicino ad una pasta ai frutti di mare un Amarone della Valpolicella. Magari torneremo a quel Frascati di cui parlavamo prima. La soggettività invece, nonostante possiate essere semplici appassionati o anche grandi esperti, vi porterà ad apprezzare di più una tipologia anziché un’altra.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
More from Giuliano Rosati

Come mantenere un vino?

     Prima mossa: creare un ambiente ideale Per evitare problematiche con i nostri...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *